Lo ammetto. Tendo ad essere una persona corretta, direi etica nell’approccio che ho alla vita e al lavoro. Mi è quindi sembrato normale quando ho iniziato a scrivere sul blog di 6Sicuro verificare la bontà del comparatore assicurativo (fiducia massima ovvio, ma la curiosità era forte).

Detto, fatto. Mi sono messo di fronte al pc ed ho cominciato la procedura guidata (2 minuti, due) per verificare quanto di buona potevano offrirmi le compagnie online (ps: mai usate ad oggi). Dati personali riguardo te e l’auto, doverosi per realizzare una proposta veritiera.

Beh, sono bastate le prime proposte visualizzate a lasciarmi basito: 620,81€ di ConTe.it708,15€ di prima.it e 711,44€ di Direct line… “stiamo scherzando vero?!?” ecco la mia prima reazione, tra l’incredulo e lo spaesato. Ma no, nessuno scherzo, tutto maledettamente serio, come è giusto che sia quando si parla di soldi.

Schermata 2016-06-15 alle 18.38.33

L’assicurazione, come molti altri costi legati alle auto, è una spesa che oggi non passa spesso inosservata, andando ad incidere sulle casse (non sempre piene) dei guidatori. Ovvio quindi restare positivamente colpito dal risparmio propostomi online (io pago 1.080 euro l’anno con Reale Mutua), un risparmio che diventa certo stimolo a cambiare.

Insomma prima ero come il tizio nello spot, utilizzavo stratagemmi assurdi per risparmiare, quando la soluzione l’avevo sotto il naso. No, non mi sono mai imballato con il pluriball, ma ci sono andato vicino… Che altro dire se non: prova! Giusto per confermarmi che non ho detto cazzate (oggi almeno no!) . In questo caso si vince sempre: se non trovi un’assicurazione migliore vuol dire che hai già fatto la scelta migliore, bravo, altrimenti hai appena vinto un sacco di soldi risparmiando sull’assicurazione 😉.

DISCLAIMER

Nessun assicuratore è stato maltrattato per scrivere questo post!  Scherzi a parte, il post è realizzato in collaborazione con gli amici di 6Sicuro.